A2 e Nazionale: che settimana Audace!

Queste sono settimane di grandi soddisfazioni per la Ginnastica Audace, impegnata su vari fronti sia a livello di squadra che individuale. L’esordio tanto atteso in A2 a Busto Arstizio ha regalato grandissime soddisfazioni alla squadra guidata da Katia Milanetto, Valentina Spongia e Ivan D’Este, portando a casa un sorprendente (per le aspettative della vigilia) terzo posto.

Le ragazze capitanate da Martina Comin hanno aperto la giornata gareggiando nel primo turno alla trave: questo ha comportato qualche difficoltà, superata brillantemente grazie all’apporto positivo di tutta la squadra: Sara Mezzalira, Stefania La Rosa, Eleonora Flaugnatti, Veronica Paset  e Camilla Campagnaro, splendide protagoniste in lombardia.

I tre tecnici con i loro interventi tra una prova e l’altra hanno puntato l’attenzione sulla precisione nella tecnica degli esercizi e soprattutto sull’espressività con l’obiettivo per allontanare la tensione, entrare in campo gara rilassate e accompagnare gli esercizi con una bella mimica facciale.

Tutte le ragazze si sono battute per i loro colori con il massimo impegno e il massimo risultato: terminare la gara al terzo posto alle spalle del Fanfulla Lodi e della Biancoverde Imola a pochi decimi di distacco, lascia ben sperare per il futuro, dimostrando che la squadra è competitiva e pronta per dar battaglia fino alla fine per un grande risultato.

La prossima gara sarà a Padova il 30 marzo, e vedremo, se il fatto di partire al terzo turno, porterà i vantaggi che tutti i tifosi si aspettano.

Questa gara è stata il trampolino di lancio per Camilla Campagnaro che poi ha partecipato a Brescia all’ennesimo collegiale con la Nazionale Junior in vista della gara di Jesolo.

Nelle prove di gara, vere e proprie simulazioni di quanto si andrà a fare in gara a Jesolo, Camilla si è comportata molto bene, acquisendo ulteriore sicurezza nei propri mezzi, soprattutto nella nuova entrata alla trave.

Il Trofeo Città di Jesolo prevedeva la competizione Senior e Junior: Camilla ha così avuto modo di confrontarsi con le pari età junior, non solo italiane ma anche russe cinesi statunitensi giapponesi, tutte atlete futuribili olimpioniche.

E cosa ha regalato ai suoi tifosi la brava Camilla? Un eccezionale quinto posto al volteggio, a pochi decimi dal podio con una straordinaria prova fatta di grinta e precisione, e un ottavo posto alle parallele, concludendo con un dodicesimo posto assoluto, migliore delle italiane.

“Camilla sta lavorando bene – aggiunge il suo tecnico Ivan D’Este- stiamo portando avanti il programma che ci eravamo prefissi all’inizio dell’anno, e qualche piccolo ritardo lo stiamo affrontando con serenità: piccoli acciacchi dovuti all’età e alla sua crescita che porta inevitabilmente qualche piccolo scompenso. Tutto ciò sta regalando a noi tecnici e a Camilla stessa una rosea visione del futuro, in quanto i risultati fin qui ottenuti saranno assolutamente migliorabili, quando potrà sfruttare al massimo tutte le sue qualità fisiche”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *